Lavoro nero, chiusi un ristorante e un bar a Reggio Emilia

REGGIO EMILIA. I carabinieri e l’Ispettorato del Lavoro di Reggio Emilia hanno trovato due esercizi pubblici che impiegavano in nero il 50 per cento dei dipendenti. Si tratta di un ristorante gestito da un uomo di venti anni, presso cui prestavano servizio in modo irregolare due persone sulle quattro totali, e di un bar gestito da una donna di 40 anni che faceva lavorare in nero un dipendente sui due totali.

Entrambe le attività sono state sospese dopo le ispezioni compiute ieri, e sono state multate rispettivamente di 5.000 e 2.500 euro. Ora saranno gli stessi commercianti che dovranno regolarizzare i dipendenti impiegati in nero e pagare la multa per poter riprendere l’attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Associazione Nazionale Professionisti Sicurezza Sul Lavoro Secur Veneto