ITALIA Roma, ambulante muore dopo blitz dei vigili. I suoi amici: “Lo hanno investito”

Protesta degli altri ambulanti che bloccano il traffico sul Lungotevere. I vigili: nessun rapporto tra i nostri controlli e la morte dell’uomo.

E’ fuggito alla vista dei vigili urbani che stavano facendo un controllo antiabusivismo sul lungotevere a Roma ed è morto in seguito ad un malore. Vittima un ambulante senegalese di 54 anni. Il fatto è avvenuto attorno alle 13. La protesta Alcune decine di immigrati si sono riversati in strada dopo la notizia della morte del venditore ambulante. Molti nordafricani si trovano ora sul luogo della tragedia per protestare dopo quanto accaduto. Sul posto ci sono anche agenti di polizia in tenuta antisommossa. Ed è caos sul Lungotevere a Roma: il traffico è congestionato con conseguenti ritardi delle linee bus. Lunghe code vengono segnalate tra Ponte Amedeo Savoia e Ponte Garibaldi in direzione Ponte Testaccio e sul Lungotevere de’ Cenci dove decine di immigrati stanno manifestando per quanto accaduto. Alcuni ambulanti immigrati che hanno inscenato una protesta sono stati poi allontanati dalle forze dell’ordine. La denuncia degli amici “E’ stato investito da un motorino dei vigili urbani in borghese mentre scappava dal controllo. E’ caduto e ha battuto la testa”. Così alcuni ambulanti africani raccontano gli ultimi atti di vita di Nian Maguette. Gli ambulanti indicano anche una macchia sull’asfalto del marciapiede, all’angolo con Lungotevere: “quello il sangue di Nian”. La replica dei vigili “Non esiste coinvolgimento diretto tra l’operazione antiabusivismo avvenuta stamattina e il decesso del cittadino senegalese avvenuto a circa 500 metri di distanza”. Lo sottolinea il Comando della polizia di Roma Capitale. “Gli agenti intervenuti spiegano che non c’è stato alcun inseguimento – sottolineano dal Comando – Auspichiamo che chi indaga faccia luce sulla vicenda. Esprimiamo vicinanza alla famiglia dell’uomo e a tutta la comunità senegalese”. Questura: “Nessun legame con controlli” “In merito al decesso del cittadino senegalese, avvenuto poco prima delle ore 13.00  odierne, in lungotevere De’ Cenci, si precisa che tale evento non è in alcun modo collegabile alle operazioni della Polizia locale in corso questa mattina”. Lo rende noto la Questura di Roma. “Le testimonianze raccolte dagli investigatori della Squadra mobile e del commissariato Trevi, infatti, concordano sul fatto che l’uomo, è stato visto accasciarsi al suolo mentre si trovava da solo. Pertanto, è da escludere che il decesso sia derivato da azione di terzi. La salma è stata comunque posta a disposizione dell’autorità giudiziaria per l’esame autoptico”. Procura indaga su morte ambulante: “Verifiche conoscitive” La Procura di Roma ha aperto un fascicolo sul caso del senegalese venditore ambulante morto sul Lungotevere. Secondo quanto si è appreso, le verifiche nelle prossime ore procederanno senza ipotesi di reato e senza indagati. Il fascicolo aperto dal pm Francesco Marinaro ha scopo puramente conoscitivo. Sulla vicenda si attende una relazione dai vigili urbani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cerca la filiale - Indirizzo o Cap

Associazione Nazionale Professionisti Sicurezza Sul Lavoro Secur Veneto