Formazione Finanziata

Lo 0,30% è un contributo mensile destinato specificamente alla formazione che ogni impresa versa obbligatoriamente all’Inps per tutti i lavoratori e soci lavoratori inquadrati come dipendenti. Anche idirigenti inquadrati come dipendenti versano questo contributo. 
Aderendo al fondo, le imprese autorizzano l’Inps a versare lo 0,30% direttamente al Fondo, che lo utilizza per finanziare la loro formazione continua.
Le imprese che non aderiscono ad alcun Fondo continuano comunque a versare il contributo all’Inps.

In seguito all’entrata in vigore della legge 92/2012 di riforma del mercato del lavoro, che ha istituito l’Assicurazione Sociale per l’Impiego (ASPI), a partire dal 1 gennaio 2013sono state ampliate le categorie di lavoratori per i quali, per intero o parzialmente, dovrà essere versato lo 0,30%.
Chi Versa lo 0,30 %
La Circolare Insp n. 140 del 14 dicembre 2012 specifica le norme relative al versamento, da parte dei datori di lavoro, dei contributi obbligatori per l’ASPI, compreso lo 0,30%.
I lavoratori dipendenti del settore privato, indipendentemente dalla tipologia di contratto di lavoro subordinato, e i soci lavoratori di cooperativa, che abbiano
stipulato con la stessa un contratto di lavoro subordinato ai sensi della legge n. 142/2001, versano già lo 0,30%.
A partire dal 1 gennaio 2013 verseranno, per intero o parzialmente con allineamento graduale, i lavoratori dipendenti come indicato nella tabella   ->

I lavoratori con contratto di lavoro interinale (o in affitto) non versano lo 0,30% in quanto, come stabilito dalla legge n. 196/1997 (c.d. “Legge Treu”) e successivamente dalla legge n. 30/2003 (c.d. “Legge Biagi”), l’impresa è obbligata a versare un contributo pari al 4% della retribuzione lorda per finanziare percorsi di qualificazione e riqualificazione attraverso un Fondo bilaterale dedicato.
Lo 0,30% inoltre continua a essere non versato per i seguenti lavoratori, anche se inquadrati come dipendenti:
  •  i dipendenti delle pubbliche amministrazioni ex co. 2, art. 1 D.Lgs. 165/2001 (amministrazioni dello Stato, regioni, province, comuni, ecc.);
  •  i lavoratori retribuiti esclusivamente con partecipazione agli utili o al prodotto dell’azienda (n. 7, art. 40, R.D.L. 1827/1935);
  •  i giornalisti professionisti e pubblicisti iscritti all’Albo professionale – nonché i praticanti giornalisti – iscritti nell’apposito Registro – titolari di un rapporto di lavoro subordinato regolato dal contratto nazionale di lavoro giornalistico, o che comunque comporti prestazioni riservate alla professione giornalistica ai sensi della legge 3 febbraio 1963, n. 69;
  •  i sacerdoti e i religiosi (art. 4 R.D. 2270/1924);
  •  gli armatori e proprietari-armatori imbarcati (art. 12 L. 413/1984);
  •  i piloti dei porti e marittimi abilitati al pilotaggio, allievi dei cantieriscuola, ecc. (INPS, circ. 18/2009).
Gli operai agricoli versano lo 0,30% a partire dal 1 gennaio 2008 (Circolare Inps n° 34/2008), e possono quindi aderire utilizzando il DMAG UNICO trimestrale.
Per finanziare l’ASPI la legge 92/2012 fa riferimento alle stesse aliquote contributive utilizzate prima dell’entrata in vigore della legge, ovvero:
   1,31% + 0,30%
(per l’Assicurazione involontaria)* (per la Formazione Continua)**
=
1,61%
* istituito dagli articoli 12, sesto comma, e 28, primo comma, della legge n.160/75.
** istituito dall’articolo 25 della Legge 845 del 1978
ALLINEAMENTO GRADUALE DEL VERSAMENTO DELLO 0,30%
Per le seguenti categorie di lavoratori, che non avevano, prima del 1 gennaio del 2013, versato contributi per la disoccupazione involontaria:
  •  soci delle cooperative in DPR 602/70;
  •  soci delle cooperative ex legge n. 250/1958 – piccola pesca;
  •  categorie del personale artistico, teatrale e cinematografico, con rapporto di lavoro subordinato.
è attribuito il versamento del contributo in maniera ridotta, con allineamento graduale all’aliquota contributiva sia della quota riguardante la quota dello 1,31% che dello 0,30%, come indicato dalla tabella   ->
Questo significa che per il 2013:
  •  i soci delle cooperative in regime DPR 602/70 – inquadrati come operai;
  •  le cooperative della piccola pesca;
  •  il personale artistico, teatrale e cinematografico con contratto di lavoro subordinato;
verseranno solo una quota pari allo 0,06% del contributo dello 0,30%.

NUOVI LAVORATORI VERSANTI E ATTIVAZIONE DELL’ ADESIONE
 Importante: l’impresa già aderente non deve effettuare nessuna nuova procedura per i propri lavoratori che dal 1 gennaio 2013 sono interessati dal versamento contributo dello 0,30%.
Sarà il sistema Inps ad attribuire a tali lavoratori il contributo – o parte di esso – e versarlo al Fondo.
Le imprese invece che, in precedenza non hanno potuto aderire in quanto composte esclusivamente da:
  •  soci delle cooperative DPR 602/70:
  •  soci delle cooperative ex lege n. 250/1958 – piccola pesca;
  •  categorie del personale artistico, teatrale e cinematografico, con rapporto di lavoro subordinato;
se intenzionate ad aderire a Fon.Coop potranno aderire ed effettuare la procedura di adesione attraverso il flusso Uniemens:
 
Per aderire al fondo bisogna indicare l’adesione al fondo in una delle righe disponibili nei riquadri B e C del MODELLO DM10. L’indicazione dovrà riportare nella prima colonna del riquadro B la dicitura” ADESIONE AL FONDO” e nella seconda colonna il codice ” FCON”.
 
Nella apposita casella si dovrà indicare il numero dei lavoratori interessati all’obbligo contributivo.
Le imprese dovranno manifestare la propria adesione utilizzando il modello di denuncia contributiva DM10/2 RELATIVO AL PRIMO PERIODO DI PAGA UTILE. Tale modello è attualmente accessibile tramite la procedura UNIEMENS.
L’impresa che, per qualsiasi motivo, sia attualmente iscritta ad un altro fondo dovrà:
  1. nel riquadro B del modello di denuncia contributiva DM10/2 dovrà segnalare la revoca del fondo precedente scrivendo “REVO” o nel caso il fondo precedente sia “FONDIR, FONDODIRIGENTI o DIRIGENTI PMI, scrivere “REDI” nella colonna codice.
  2. Nella riga sottostante a quella in cui è stato inserito il codice di revoca sempre nella colonna di “CODICE” dovrà quindi scrivere “FCON” ed inserendo sempre il numero di dipendenti.
Associazione Nazionale Professionisti Sicurezza Sul Lavoro Secur Veneto
WhatsApp chat