Bilancio 2018: ‘Piano invasi’

Bilancio 2018: ‘Piano invasi’ 

Stanziati 250 milioni di euro fino al 2022 per la realizzazione di interventi urgenti per la mitigazione dei danni connessi alla siccità e 15 milioni di euro per la bonifica di siti radioattivi.

Ecco alcune misure previste dalla bozza di Legge di Bilancio 2018 sull’utilizzo delle risorse idriche e sulla sicurezza dei siti radioattivi.

Piano Invasi: subito 250 milioni per gli interventi urgenti
L’art. 49 della Manovra 2018 prevede l’istituzione di un piano nazionale, simile a quello già esistente per il dissesto idrogeologico, per la pianificazione degli interventi necessari alla lotta alla siccità e volti a contrastare le perdite delle reti acquedottistiche.

Per velocizzare le operazioni, il provvedimento prevede subito (come anticipazione delle risorse dal Piano Nazionale) un finanziamento complessivo da 250 milioni in 5 anni ( 50 milioni all’anno dal 2018 al 2022) per la ‘realizzazione degli interventi urgenti in stato di progettazione’ facenti parte di un Piano Straordinario.

Il monitoraggio dello stato di avanzamento dei lavori sarà monitorato tramite le banche dati pubbliche.

Bonifica siti radioattivi: fondo da 15 milioni di euro
La Manovra 2018 mira anche alla messa in sicurezza dei siti con presenza di rifiuti radioattivi attraverso il finanziamento di interventi di risanamento e bonifica.

Per l’obiettivo la norma istituisce un fondo rotativo da 15 milioni di euro in tre anni (5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2018, 2019 e 2020).

Il provvedimento, comunque, ribadisce il diritto di rivalsa verso chi abbia causato o concorso a causare le spese per l’attuazione degli interventi: i responsabili del danno che ha reso necessaria la bonifica dovranno versare i soldi che andranno ad alimentare il fondo nel corso del tempo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Associazione Nazionale Professionisti Sicurezza Sul Lavoro Secur Veneto